Autocritica 12 – Incontro tra vecchi amici

Per sapere cos’è l’autocritica o per andare all’indice dei capitoli, clicca QUI.

Capitolo 12 – Incontro tra vecchi amici [ [SM=g10386] chi incontreremo?? BIANCO????]

Il tempo trascorse velocemente: ormai era già passata l’estate ed anche l’autunno, che era stata la stagione più calda [ [SM=g10255]  [SM=g10284]  Perché l’autunno dovrebbe essere più caldo e poi l’inverno torna freddo? Ma che ordine è?]. Ora si cominciavano ad avvistare i primi veri fiocchi di neve, niente a che vedere con quelli della notte di ferragosto [No, mi spiace, non sto più capendo nulla]. Ogni tanto sentivo ancora gli ululati di quei lupi, che percorrevano il loro territorio col trascorrere dell’anno. Nel branco dovevano esserci dei nuovi nati, perché si udiva qualche abbaio da cucciolo ogni tanto.
Tutto procedeva per il meglio e la storia tra Greg e Ophelia procedeva a gonfie vele. [AmMmOrEeeH mi mancava] Io mi ero messa a studiare la lingua dei centauri cominciando dall’alfabeto, che era composto da 30 lettere suddivise in tre gruppi: lettere ordinarie o principali, lettere secondarie e fonemi. Le lettere principali equivalgono alle nostre vocali, quelle secondarie alle consonanti e i fonemi sono i suoni come gh e ch, che si abbreviano con una lettera unica. [Ok, sorvolando sul fatto che questa è la prima e l’unica volta che parlo di questa fantomatica lingua, e sorvolando ancora sul fatto che non ho mai nemmeno riportato mezza frase in lingua originale, direi che possiamo concludere che sì, la mia ossessione per le lingue nasceva FENTASI nasceva qui. ‘Sta cosa l’ho mantenuta nel mio primo libro serio, Gli Eredi di Howel. Andate a leggerlo. Dai, su] Questa lingua è molto usata, ma ormai quasi tutti i centauri e le altre creature sanno parlare la lingua delle fate e degli stregoni [E questi stregoni che ogni tanto diventano maghi… che sono poi solo i maschi di fate. Ma non hanno poteri magici. E le stesse fate che, oltre ad avere una voglia sul collo come le vacche marchiate, sono in tutto e per tutto umane. La fantasia strabordava proprio dal mio cervello, vero?].
Cominciai anche ad esplorare gli spazi circostanti a Centaurorum Vicus, ma non trovai molto [Davvero? Mi aspettavo che descrivessi di nuovo alberi molto grossi e neri]. Ormai avevo esplorato molto e mi mancava solo la parte Ovest, dove mi avventurai con l’arrivo della bella stagione (se così può essere chiamata a Knarenn). [Specifichiamolo, perché non l’avevamo capito dal fatto che l’autunno e l’estate si fregano il clima a vicenda]
Un giorno, mentre camminavo tra gli alberi [MOLTO GROSSI], avvertii un rumore molto sospetto. Era un po’ che mi sentivo seguita e osservata [Strane sensazioni mistiche che arrivano senza che la protagonista abbia alcuna vera e propria capacità per percepirle, semplicemente perché servono a salvarle le chiappone], ma ogni volta che cercavo di scorgere qualcuno, mi rendevo conto di essere (apparentemente) sola [E l’apparentemente tra parentesi era FONDAMENTALE].
Ero arrivata ad un ampio spazio senza alberi, coperto da terriccio nero, ramoscelli secchi e qualche foglia morta da parecchio tempo. [Altro modo per dire: RADURA. Sì, proprio quelle che appaiono all’occorrenza! Fateci caso: se nei FENTASI si deve combattere in mezzo a un bosco, giustamente per fare spazio appaiono sempre le RADUREH] Proprio qui incontrai una vecchia “amica”. [OPS! Mi sa che non è BIANCO. A meno che non si sia servito della chirurgia per cambiare sesso e diventare BIANCA (senza Bernie)]
Stavo riposando quando sentii un urlo agghiacciante e stridulo. Lo avevo già sentito mesi prima e me lo ricordavo molto bene: c’era sicuramente un’arpia nelle vicinanze. Ero proprio al centro dello spazio circolare senza alberi [RADURA, dì le cose come stanno, Arte! Sii onesta con te stessa!] e continuavo a guardarmi intorno: gli urli non provenivano sempre dallo stesso luogo e mi sentivo circondata. [COME FARA’ A SALVARSI LA NOSTRA ErRrOaA?] Le arpie dovevano essere parecchie decine e si stavano decisamente stringendo attorno a me. [muorimuorimuorimuorimuorimuorimuorimuorimuori] Non molto tempo dopo mi accorsi di aver ragione: le arpie erano più di una cinquantina e ne ero accerchiata. [EVVAI! Dai che questa è la volta buona!  [SM=g8194] ] Mi guardavano con gli occhi felini e urlavano senza sosta. Erano molto simili a Celeno, ma le loro ali erano più piccole e meno eleganti [Perché se non sei una Regina Arpia le tua ali si sviluppano meno, Darwinismo di base proprio]. Io sudavo freddo e tremavo, ma ero sicura di non sembrare troppo impaurita; è una mia abitudine [oddio, sento aria di vanto imminente!]: quando sono in situazioni di pericolo cerco di non sembrare debole e di apparire coraggiosa al cospetto degli altri, anche se è totalmente il contrario. :badass: [Ma che EROA! Sei BrAvIxXxImA!] In quel momento stava accadendo proprio questo. Ad un certo punto un’arpia di fronte a me si fece avanti e mi venne vicinissima. [Non descriverla, mi raccomando. E soprattutto NON scappare, in fondo anche tu ti vuoi morta] All’improvviso mi afferrò il collo e disse:
“Tu devvi esserre quella fatta di cui parla Celenno…” [Ahahahah, e torna il modo di parlare dislessico. Non ci riesco, devo cominciare a ridere già adesso [SM=g9385][SM=g9385]]
“… lei dicce che ti sai trasformarre in luppol!” [LUPPOLO! Come la birra del signor Poretti!]
Io non dissi niente. Era fortissima e mi era impossibile opporre resistenza. [Se fossi scappata prima!] :genius:
“Dicce anche che sei moltto abbile nel combatterre! Mi spiacce contraddirre la mia reginna, ma non sembri perr nientte fortte!” [Ditemi, ora, come cavolo si dovrebbero leggere le ultime tre parole. Forza! DITEMELO]
Lei continuava a guardarmi girandomi la testa da una parte all’altra. Questa arpia aveva le ali più rossicce [Ecco, descrivila adesso che sei in punto di morte! Mi sembra plausibile! Il momento più adatto a rompere la (già di per sé scarsa) suspense], come i capelli e gli occhi. I canini, poi, erano molto sviluppati, come quelli di un vampiro. [EDOARDO CULLENO! C’è il tuo zampino nella fecondazione di quest’essere?]
“Chi ti ha datto il permesso di attraversarre il terrritorrio delle arpie?” [Il buon senso comune le ha detto di farlo. Deve morire per il benessere pubblico]
“Mi dispiace, non lo sapevo” risposi con tono indispettito. [E ancora con questo sarcasmo spicciolo? Ma quanti punti ti toglierà?]
“Comme? Non sapevvi che qui le arpie fanno i lorro niddi? Nessunno dei tuoi amicci centaurri ti ha avvertitto della parte ovvest?” [Mi sa tanto di “ala ovest proibita” della Bella e la Bestia]
Io non dissi niente.
“Beh, peggio per te! Noi non lasciammo nessunno uscirre vivvo dal nostro territorrio” [DIO SIA LODATO!]
A questo punto mi diede un colpo d’ala e mi fece cadere a terra. Io mi trasformai subito in lupo per poterla mordere; Io però continuavo a saltare a vuoto, perché lei riusciva sempre a schivarmi. [E torna il mio spirito di ragazza pon pon: Dammi una A, dammi una R, dammi una P, dammi una I, dammi una A: ARPIA!!!] Le altre arpie la incoraggiavano a colpirmi e urlavano il suo nome: Alicia (che naturalmente pronunciavano a modo loro, e risultava Aliccia). [SII, viva la boxe non convenzionale! Wrestling interrazziale!!]
Lei continuava a colpirmi e a graffiarmi, e ormai ero senza forze. [MUORE!!!! E’ la volta buona, lo sento!]
Alicia mi afferro e cominciò a volare, poi mi fece sbattere contro un albero e caddi. [Dai, muori!] Ero stesa a terra e Alicia continuava ad avvicinarsi; proprio in quel momento vidi un ramo molto robusto e piuttosto appuntito [No….]. Mi trasformai velocemente e lo afferrai [No……..]. Alicia stava volando sopra di me e stava per afferrarmi nuovamente, ma io puntai contro di lei il ramo [NO……..], che si conficco nel suo petto. L’arpia cadde e continuò ad urlare per un po’ di tempo e disse:
“Dannatta!” Poi smise di contorcersi e di lamentarsi giacendo immobile sul terreno: Alicia era morta.[NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO! Non è possibile!]
In quel momento mi accorsi che tutte la altre si erano ammutolite e non si sentiva più nessun suono, solo qualche folata di vento tra gli alberi di tanto in tanto. [Intervenite! Che aspettate! Dai! VENDICATEVI TUTTE INSIEME!] All’improvviso sentii una voce conosciuta:
“Oh, c’è una seccatricce”
Notai che si faceva largo tra le altre un’arpia con grandi ali bianche. Con un balzo anche lei mi afferrò al collo e mi bloccò contro un albero.
“ Ci rincontriammo fatta” [Celeno, eccoti! Hai visto che ha fatto quella mentecatta!?! Dai, uccidila tu!]
“Mi serviva proprio una visita di una vecchia amica” :badass:[TACI TU! Sempre che tu sia Kety perchè sai, qui nemmeno si capisce chi parla tra poco]
Celeno strinse ancor di più la presa intorno alla mia gola.
“Non farre l’impertinentte! Devvi saperre che Aliccia era la mia soldattessa migliorre! Lei avrebbe dovutto prenderre il mio posto il giorno della mia mortte” [Mi spiace Celeno, ma anche in un momento DRAMMATICO come questo non riesco a non ridere per come ho pensato di farti parlare] [SM=g9385]
“Quel giorno potrebbe essere oggi” [SEEE, vabbé, tiriamocela meno, EROA] :badass:
Dopo che ebbe udito queste parole mi fece cadere a terra e strinse ancora la mano.
“Non è ancorra giunta la mia orra, e non giunggerrà se non sarò io a vollerlo! Invecce la tua sì. Non avrei mai dovutto lasciarti vivvere diecci messi fa” [Concordo, non avresti dovuto. Rimedia dai. Dai. Adesso però. DAI]
A quel punto prese il ramo dal corpo senza vita di Alicia che si trovava lì vicino e me avvicinò alla gola.
“So di quel ragazzo a cui tienni tanto! Niccolas giusto? Non preoccuparti, vi rincontrerette presto, forse nel regno dei morti, perché farrò unna vissitinna anche a lui” [Celeno, è ora che te lo dica: IO TI AMO!]
Ma appena ebbe smesso di parlare lei si girò e cominciò ad urlare, come se fosse spaventata [Eh? [SM=g10255] [SM=g10255] Che sta succedendo?], quindi volò via insieme a tutte le altre arpie. Io ero rimasta lì stesa e non mi muovevo, perché la ferite mi facevano troppo male. Vidi poi uno strano viso che mi osservava [Vediamo, dai! Vediamo chi devo incolpare stavolta per averti salvata!]: aveva i capelli verdi e ricci lunghi. Anche la pelle era verdina come gli occhi. [Un alien?]
“Fortunata fosti tu ad incontrare me!” disse la creatura con una vocina timida [Ma ce n’è uno che parli normalmente in questo posto? :muoro:  Comunque ho capito: verde che parla scambiando l’ordine delle parole, questo è il maestro Yoda! YODA SARDO!]
“Io curerò e riporterò a Centaurorum Vicus la bella fata dagli occhi azzurri” [Ah, finalmente abbiamo un’informazione sulle caratteristiche fisiche di Kety! E siamo solo al DODICESIMO CAPITOLO!]
Poi non vidi più niente: doveva avermi addormentata in qualche modo.
[Fine. Niente clifjanger. Il libro lo fa apposta, non vuole darmi nemmeno questa soddisfazione [SM=g11003]  Nel prossimo capitolo cercheremo di capire cos’è e da dove è cicciato fuori Yoda Sardo. CHe vi annuncio subito essere femmina… bello far parlare i personaggi senza specificarne neanche il sesso, vero? Non confonde PER NIENTE il lettore]

Immagine del giorno: ragazzi BIANCO mi manca tantissimo.
Questa è l’immagine da cui ho copiato tratto la scena della sua prima apparizione.

2372980236

Autocritica 11 – Ululati in lontananza

Per sapere cos’è l’autocritica o per andare all’indice dei capitoli, clicca QUI.

 

Capitolo 11 – Ululati in lontananza [Sento aria di poeticità azzardata, che riletta al giorno d’oggi sarà solo una cavolata dietro l’altra] 

Intanto il tempo passava velocemente a Centaurorum Vicus: I giorni divennero settimane, e le settimane diventarono a loro volta mesi. [Un modo quasi normale di fare un salto temporale. Brava!] Ormai era il giorno di mezz’estate, ovvero l’anniversario del mio arrivo a Knarenn. [Perché Ferragosto non fa FENTASI]
Tutto andava più o meno come i mesi precedenti e io continuavo a vivere insieme a Greg [Emancipazione portami via. Non ti sei fatta REGALARE un tipì?] , che ora non arrossiva più mentre parlava con Ophelia. Infatti era ormai ufficiale: si erano fidanzati. [L’AmMmOrEeEHh regna!!!!]
Ormai non pensavo più di ritornare al mio isolotto [ [SM=x3426448] ‘sta frase torna sempre], che era sceso di grado da casa permanente a rifugio utilizzabile solo se strettamente necessario.
Naturalmente, io continuavo a pensare a Nick [naturalmente], e a un modo per toglierlo dai guai. Però più pensavo, e più mi convincevo che non c’era proprio modo di parlargli. [Più pensavi, più i neuroni decidevano di emigrare in un cervello più accogliente]
Era un po’ di tempo ormai che non mi trasformavo in lupo cominciai a capire che avrei dovuto ricominciare [ODDIO, DA’ DIPENDENZA! Deve RICOMINCIARE come si fa col fumo e la droga]. Infatti era un po’ di tempo che mi sentivo male e mi spuntavano peli su un braccio o su una gamba. [AHAHAHAHAH, questa parte non la ricordavo! [SM=g9385]] Un centauro molto anziano mi consigliò di non stare molto tempo senza trasformarmi, così cominciai una specie di terapia: almeno un’ora al giorno sotto forma di lupo. [Terapia difficilissima da seguire, visto che sotto forma di lupo sembri capace anche di dividere il mar rosso]
Comunque il giorno di ferragosto fu un giorno abbastanza triste. [SM=x3426448]
Rimasi chiusa nella capanna per la maggior parte del tempo, pensando a Jenny e a White [BIANCO. Non l’hanno ancora capito come si chiama!]. Il cielo era nuvoloso e nero, e rendeva anche Centaurorum Vicus un posto inospitale.
Nel pomeriggio Greg entrò:
“Dovresti uscire” [Perentorio, senza interpunzione]
“E perché? Lo sai che giorno è oggi?”
“Sì, [[SM=g10386] [SM=g10386] Sa anche che giorno è!] ma dovresti cominciare a prendere le tue sventure con filosofia. Non puoi diventare triste ogni giorno che ti ricorda qualche avvenimento, anche perché così saresti triste ogni giorno! [ADDIRITTURA! Ma se per la maggior parte del tempo ha vissuto tra rose e fiori, anche a knarenn, col cibo che le pioveva in fronte e le ORSE che non riuscivano a scalfirla?]
Pensa che ora mancano solo due anni” [SOLO]
Io non risposi, stavo praticamente cadendo in depressione. [praticamente, perché, teoricamente no?]
“Tu hai qualcosa che non va! [SM=x3426448] Tirati su, tanto non puoi farci niente!
Cosa dovremmo dire noi centauri? Sono molti secoli che siamo qui.
Stare qui ha significato quasi estinguersi per le ninfe e le sirene, ma se ora ne incontrassi una ti parrebbe la creatura più felice del mondo” [E i bambini in africa muoiono!]
“Tu non capisci! Mi hanno tolto da tutto quello che conosco. Questo anno è durato più di quanto pensassi, e ne mancano ancora due. Mi spiace deluderti Greg, ma non sono una persona ottimista, o almeno non più” [ [SM=g10386] [SM=g10386] E’ dIvEnTaTa CuPiXxXiMa, PoVeRa!!!]
“Senti, io sto cercando di consolarti, ma non posso fare altro.” [Greg, puoi: sbattila fuori da casa tua e lasciala vivere ancora da sola, vediamo se non rimpiange di essere stata pessimista!]
Ci fu un attimo di silenzio, poi cercai di non far degenerare la situazione
“Scusami. [ [SM=g10386] [SM=g10386] Si è evoluta ulteriormente, ora chiede anche SCUSA] Hai ragione, come al solito. [SM=x3426448] Non posso scaricare la mia infelicità su di te, ma devi capirmi. La vita a me non ha dato mai niente. [ [SM=g10861] Sicura? Ti ha dato un collegio che più che un collegio sembrava un parco giochi, ti ha dato quello sfigato di Nick, ti ha dato quella sadica di Jenny, e poi BIANCO, che non è da poco, e poi case regalate, e fortuna eterna, e cibo dal cielo come in piovono polpette, e un TIPI’ caldo e un centauro muscoloso come The Rock a proteggerti. CHE ALTRO VUOI?] Mi ha tolto i genitori e messa in un collegio ad appena un anno. [Allora non te li ricordi, non puoi soffrire per questo] Poi, quando avevo cominciato ad adattarmi e a fare amicizie [COMINCIATO??? A 18 anni? E prima che hai fatto?], mi ha portata qui, in questa foresta morta, dove le piogge sono tossiche e gli animali crudeli [gli AnImALi CrUdElIxXxImI: forse perché loro devono MANGIARE, e non sono così fortunati come te da avere la dispensa celeste. Detto ciò, ricordiamoci che l’animale più pericoloso che ha incontrato è stato il serpente… che mordendola l’ha AIUTATA]
“Nemmeno io sono stato felice nella mia vita. [CHISSA’ COSA GLI E’ CAPITATO! Tranquilli, tranquilli: NON lo spiega] Ma poi, quando meno te lo aspetti, succede qualche cosa che ti rende felice.” [Perla di saggezza alla Yoda]
Detto questo se ne andò. [Gesto che lo carica di MISSSTERO]
Scese la notte e tutti si addormentarono. Allora uscii dalla capanna. [Con la muffa in ogni parte del corpo] In giro no c’era nessuno e io cominciai a girovagare.
Camminando arrivai al cancello nord, e lì mi fermai.
Non so cosa mi stesse passando per la testa, ma all’improvviso mi trasformai e uscii, senza farmi vedere dalle sentinelle. [Che PaxXxErElLa!!!]
Camminai per qualche ora senza una meta [Riuscirai a tornare a casuccia, io mi domando?], poi sentii un ululato in lontananza. [SM=g10386] Mi fermai e decisi di ascoltare ancora. Non era un solo lupo, ma almeno tre, o forse anche di più. Dovevano essere molto lontani, ma decisi comunque di andare da loro. [PERDITI! PERDITI! PERDITI! PERDITI!] Corsi fino ad arrivare ad un lago, molto più grande del Repercussio o di quello del mio isolotto [Ma quanti laghi che si trovano a Knarenn! Non è una foresta, è un arcipelago]. Anche se era agosto non era per niente caldo (come era solito nella foresta), anzi, quella fu una delle notti più fredde di tutta la mia permanenza a Knarenn. C’era anche un po’ di neve sul terreno, ma si sarebbe sciolta presto.[Come fa a sciogliersi presto se è freddo ed è AGOSTO? Andate verso l’autunno e l’inverno, è probabile che aumenti, non che diminuisca. A meno che Knarenn non si trovi nell’emisfero australe] Sentii un altro ululato, più vicino questa volta. Mi accorsi che c’era un piccolo branco di lupi sull’altra sponda dal lago. Erano grigi e molto grossi [MOLTO GROSSI, mi raccomando! Mamma mia, Kety ha proprio una fisima per tutto ciò che è MOLTO GROSSO, e potrei farci saltare fuori fior fior di doppi sensi, ma l’ho già fatto in innumerevoli capitoli e mi ripeterei]; all’inizio ne vidi solo tre, poi ne apparve un altro da dietro gli alberi. Anche loro mi guardavano immobili, allora io abbaiai. Il più grosso ululò e continuò a guardarmi. [Questa scena è BALTO. Sputata. Spudorata.] In realtà non capivo esattamente cosa volesse dirmi, ma l’istinto mi faceva più o meno capire. Il lupo, forse il capo branco, mi aveva chiesto chi fossi. [Ma non capivi “più o meno”? A me sembra che capisci molto bene!]
Io risposi abbaiando, sempre guidata dall’istinto. Lui abbaiò e ululò ripetutamente. In pratica aveva detto di raggiungerlo [Sempre in pratica, in teoria MAI E POI MAI]. Io allora mi guardai intorno e cominciai a costeggiare il lago correndo, poi arrivai finalmente dai lupi. Loro non dissero niente e ricominciarono ad ululare tutti insieme, poi il capo branco si fermò e mi invitò, sempre abbaiando, ad unirmi a loro. [E che senso ha ululare tutti insieme? Stereotipare i lupi: fatto!]
Intanto a Centaurorum Vicus udirono degli ululati in lontananza. [Oh mamma, il cambio di PdV dovrebbe essere DRAMMATICO]
Continuammo ad ululare per tutta la notte [Perché i lupi non hanno di meglio da fare la notte. Non so, cacciare? Riprodursi? Accudire i cuccioli? Dormire? Piantare grane a Centaurorum Vicus?], poi venne l’alba chiarissima [non MOLTO GROSSA?] e io mi congedai.
Cominciai a correre per ritornare a Centaurorum Vicus, ma quando fui a circa duecento metri di distanza, un altro ululato mi fermò. Era di nuovo il capo branco che mi salutava a modo suo. Io risposi ugualmente, poi il branco se ne andò scendendo dalla parte opposta della collina.
Continuai il mio viaggio e, nel giro di qualche ora, arrivai al cancello nord. Le sentinelle ora erano raddoppiate [Perché, non sarebbe meglio farle raddoppiare di notte?], ma io mi trasformai in Kety e mi lasciarono passare [E allora perché per uscire non ti sei fatta vedere, se puoi andare e venire quando ti pare?]. Le domande non furono poche:
“Come avete fatto ad uscire dal villaggio passando inosservata” [Abbiamo una nuova fornitura di punti interrogativi. Non sono più gratis perché ne prendi troppi e stiamo fallendo —> ??????]
“Ero sotto forma di lupo! I lupi sanno essere silenziosi e furtivi” [Quanto mi suona stupida questa frase [SM=g11422] ]
“Conoscete le regole: nessuno esce dal villaggio dopo il tramonto, è una questione di sicurezza” [Ah, ecco perché non voleva farsi vedere. Ok, stavolta passi]
“Beh, eccomi qui, non mi è successo niente”
Tutti i centauri presenti si guardarono negli occhi, poi uno sospirò e disse:
“Potete passare, ma che non accada nuovamente” [E io già vedo che accadrà nuovamente, lo sento proprio nelle ossa]
“Statene sicuri” risposi facendo un inchino profondo.[CEEERTO]
Avevo imparato che i centauri gradivano molto gli inchini ad ogni congedo, anzi, non farlo era un sorta di offesa. [Inseriamo informazioni sulla cultura dei mostri ibridi senza alcun nesso logico]
Attraversai l’ingresso e mi diressi verso Greg, che stava parlando (casualmente) [quanto è stupido quel casualmente tra parentesi! [SM=g11422] ]con Ophelia. Ero decisamente in forma e non ero più triste come la sera prima. [Certo che ci vuole poco a farti stare meglio, eh!]
“Dove sei stata tutta notte?”
“Con i miei simili”
“Lupi? [No, umanoidi scemi] Comunque ora ti vedo più serena”
“Sì, lupi. Mi ha proprio fatto bene passare una notte un po’ diversa. [BeNiXxXiMo! Notte brava a las vegas]
“Ah, eravate voi a disturbare il sonno perfetto di noi centauri” disse Ophelia [Ma se erano lontani QUALCHE ORA????]
“Sì, era proprio questo il nostro scopo principale! [Odio questo sarcasmo spicciolo] Comunque credo che questo ululato della notte di mezz’estate diventerà un rito” [non è che lo credi, lo SAI perché la tua scrittrice doveva dirlo in qualche modo al lettore]
“Lo spero” disse Greg.
“Se ti fa così bene!” [E’ un po’ che non vediamo un Cliffhanger finale degno di questo nome. Ne voglio unooooo!!!!!!!!!!!!!! [SM=g10950] ]

 

Immagine del giorno: come promesso, continuiamo la rassegna di immagini dalle quali copiavo PRENDEVO ISPIRAZIONE. Qui abbiamo zio Greg! Con tanto di firma dell’autore, tale Boris.
Hip Hip Hurra per Boris.

672770608

Autocritica 10 – Il lago Repercussio

Per sapere cos’è l’autocritica o per andare all’indice dei capitoli, clicca QUI.

 

Capitolo 10 – Il lago Repercussio [Niente, ragazzi… il LATINOBRUTTO non demorde]

Si, a Centaurorum Vicus mi avevano accettato 4p1k1, ma ci volle molto tempo prima che si adeguassero tutti gli abitanti. Per alcuni ancora oggi sono una minaccia, altri invece mi presero subito in simpatia.
Le due settimane successive le impiegammo per ricostruire la parte nord del villaggio, dove le arpie avevano incendiato buona parte di strutture. [E il fuoco non si è propagato? E non hai visto fumo o cenere mentre scappavi?] Sepolti sotto le macerie trovammo qualche centauro, ma per fortuna non c’era stato nessun ferito. [Perché se sei SEPOLTO non puoi essere ferito]
“Chi è di preciso Celeno?” [L’hai pure vista!] :genius: chiesi a Greg mentre cercavamo di sollevare un tronco d’albero in mezzo al sentiero.
“E’ la regina delle arpie. [REGGGGGINA!!!!] Di solito non lascia vive le sue vittime! Devi ritenerti fortunata ad essere ancora tra noi” [Tranquillo, la sacra forza dell’inerzia la protegge SEMPREH]
“Vi attacca spesso?” [NOOOOOOOOOOO Era venuta per festeggiare il compleanno. Ha portato pure le coroncine di cartapesta e i bicchierini di plastica con il nome di tutti scritto sopra!]
“Abbastanza, ma è nella natura delle arpie combattere contro qualcuno, non riescono a vivere in pace. [Sono KaTTiVeeE Per un motivo, no?] D’altronde dopo l’esilio di tutte le creature in questa foresta loro sono ancora più adirate [parola aulica del giorno, buttata lì da Thirteen Arte giusto per far vedere che LEI LA SAPEVA]
“E se la prendono con voi?” [SM=x3426448]
“Ci siamo solo noi e, come ti ho detto, non possono non prendersela con nessuno. Ormai le ninfe e i fauni sono quasi estinti [ricordate questa parola, perché tra qualche capitolo ne incontreremo millantaventordici tutti in una volta!]
“E’ triste!” [Ma dirai mai qualcosa di intelligente?]
Alla fine tutta la parte nord del villaggio fu ricostruita, forse anche più bella di prima. [AAAWWWWWWWWWW *.*] I giorni successivi furono rilassanti e piacevoli come non mai. [Non essere riconoscente dato che ti tengono con loro eh! Rilassati come al Bora Bora Hotel. Non aiutarli in niente!]
Un giorno, mentre camminavo lungo un sentiero inoltrato nel bosco, vidi un centauro seduto sulla riva di un piccolo lago. [salti temporali a casaccio]
Avvicinandomi scoprii che era Ophelia. [Vi ricordo che è la centaura ARGUTA di cui Greg è cotto]
Il mio istinto mi diceva di non farmi sentire e di nascondermi, e io gli diedi retta anche se non so perchè: apparentemente non c’era nessun motivo per cui non dovessi farmi vedere.
Comunque avevo ragione, [Non avevamo dubbi] perché dopo poco tempo capii che stava parlando con qualcuno. Il qualcuno era un fauno, uno dei pochi rimasti della sua specie. [Eccone già uno!]
Il fauno era immerso nell’acqua color argento del lago e ogni tanto nuotava avanti e indietro spruzzando acqua ovunque.
Non riuscivo proprio a capire cosa dicessero, anche perché mentre ero intenta ad ascoltare qualcuno mi afferrò per la spalla. Io presi paura [ [SM=g10386] [SM=g10386] [SM=g10386] [SM=g10386]PAURIXXIMA!] ed il fauno avvertì il rumore. Scomparì all’istante, ma Ophelia rimase seduta lì.
Girandomi capii che era stato Greg a toccarmi. Non diceva una parola e aveva il dito premuto sulle labbra:
“Sssssst!” [Sta anche lui architettando qualcosa di MALIGNO [SM=g8349] [SM=g8219] [SM=g9141] ]
Io non dissi niente, ma cercai di farmi capire con lo sguardo. [Perché Kety cerca sempre metodi alternativi per farsi capire, quando non può fare Bau] Volevo capire perché dovevo stare in silenzio, lui però non mi rispose; anzi mi disse sottovoce:
“Vattene” [SIIII!! SPEZZALE IL CUORE!!!]
“Perché?” dissi ancora più piano
Lui non mi rispose e mi diede una spinta via. [Cos’è una “spinta via”? [SM=g9385] ] Non lo aveva mai fatto, e io pretendevo delle spiegazioni.[EcCo!11!]
“Per favore” disse quasi senza voce
“voglio andare a parlarle! Non ti permetterò di rovinare tutta l’atmosfera: sono giorni che aspetto il momento giusto!” [ODDIO!!! Un esorcista ha mandato via il tredicenne brufoloso!]
“Oh! Scusa”
Detto questo si voltò e cominciò a trottare felicemente verso Ophelia. Arrivato all’argine si sedette vicino alla centaura e cominciò a parlare.
Io intanto mi ero nascosta dietro un albero e cercavo di ascoltare. [INFAME, VACCA, TRADITRICE, SPIONA!!! [SM=g8194] [SM=g8194] [SM=g8194] [SM=g8164] [SM=g8164] [SM=g8164] [SM=g8142][SM=g8142] ] Non riuscivo a sentire bene, e non capii cosa si dissero. So solo che ogni tanto si guardavano e si scambiavano sorrisini sdolcinati [Il tredicenne brufoloso è stato rimpiazzato da un liceale arrapa… INNAMORATO], poi lei abbassava lo sguardo con le guance rosse.
Me ne andai quasi subito, me mentre mi giravo mi parve di vederli baciarsi. [Ke RoMaNtIcOOOO] Comunque non mi voltai e me ne andai per continuare il mio giro.
Ero nella capanna già da un bel po’ quando Greg rientrò.
“Bravo!!!!” saltai in piedi urlando. [Dio, qualcuno le spari! [SM=g8164] ]
Lui mi guardò con aria interrogativa e io gli chiarii le idee:
“Tu lo sai benissimo per cosa! Sei riuscito a fare colpo…finalmente!”
“Ma cosa dici?!?” [Sta tornando il brufoloso!!! SALVIAMOLO!]
“Vi ho visti: vi siete baciati!!!” [E ora lo andrò a dire a tutta tutta la squola!!!]
“Cosa? N…no, non abbiamo p…proprio fatto n…niente” [Oddio, sento l’acne crescere!]
“Allora perché balbetti? Fai così quando sei imbarazzato! Dimmi la verità” [Lascialo stare, me lo stai facendo involvere!]
Ci fu una lunga pausa, poi lui si azzardò a fare un sospiro e a dire:
“Sì, l’ho baciata” [SI E’ AZZARDATO!!!!]
“Evviva!! Sono contenta per te”
“Ma se non ricordo male ti avevo detto di andartene!” [Dammi una G, dammi una R, dammi una E…]
“Ah si? Non ho sentito! Comunque ho visto con la coda dell’occhio il tuo bacio, e non mi sono rigirata” [-.-“]
“Non ti crederò mai!”
“Credimi, è così. Cosa vi siete detti?” [e te lo viene pure a dire! Sicuro!]
“Non mi pare che ti riguardi” [VAI GREG!!!]
“Ti prego” [MUORI!]
“No. Devi imparare ancora molte cose sul conto dei centauri. Una di queste è di non infastidirli troppo” [Parole sante!]
“Ok, come vuoi. Però, cambiando discorso, volevo chiederti se qui c’è qualche fauno” [Che c’entra? Comunque c’è, l’hai pure visto! O ti credi pazza da sola?]
“Si, c’è un fauno che vive qui da moltissimi anni. Lo abbiamo nominato il custode del Repercussio.”
“Repercussio???”
“E’ un lago. [SCOPERTA SCONVOLG…. ah no, c’è anche nel titolo -.-“] Più precisamente quel lago dove hai sbirciato ed origliato i miei fatti privati”
“Non ho origliato!” [Kety. Io. Ti. UCCIDO. Anzi, TI ACCETTO]
“Però ci hai provato, e comunque sei riuscita a sbirciare”
“Va bene, va bene! Continuiamo il discorso di prima. Da quando i laghi hanno bisogno di un custode?” [Una domanda quasi intelligente, attenzione! Forse sta aumentando di livello!]
“Non è un lago normale. Non deve avvicinarsi nessuno, perché un suo uso improprio potrebbe portare perfino alla pazzia” [… sorvoliamo poi sul fatto che ci si sono AVVICINATI lui e Ohpelia tre righe fa. Custode provetto il fauno!]
“In che senso uso? Cosa vuol dire?” [Non esagerare però, kety!]
“Ma riesci a stare per un minuto senza domande?” [VAI GREG!!!  [SM=g9385] [SM=g9385] [SM=g9385] [SM=g9385] [SM=g11415] [SM=g11415] [SM=g11415] ]
“La curiosità è una dote importante” :facepalm:
“Non troppa però! Comunque vuol dire che il lago non riflette la tua immagine quando ci guardi dentro. Ti fa vedere quello che accade nel luogo che per te ha più importanza, nella maggior parte dei casi. A volte mostra quello che vuole mostrare e fa cadere in inganno. Per questo ha bisogno di un protettore. [WOW *.*] Non bisogna disturbare l’acqua! [Frase COPIATISSIMA da Il signore degli anelli] Si narra di un centauro, Criptenestre [ [SM=g6923] [SM=g10255] [SM=g11422] [SM=g8863] [SM=g11859] che nome osceno], che non volle seguire i consigli di un uccello che si trovava nei paraggi e tentò di bagnarsi nel lago. Dopo quel giorno non riuscì più a fare a meno delle visioni del Repercussio e alla fine si tolse la vita. Credeva che la sua famiglia, che viveva molto lontano, fosse stata sterminata da un gruppo di arpie [Mamma mia che EPICITA’]
“Ma il fauno stava nuotando”
“Remenet dimora vicino al lago da tempo. Ormai Repercussio [personifichiamolo pure] si fida di lui e non lo trae in inganno”
Rimasi in silenzio, e dopo poco lui mi chiese:
“A cosa stai pensando” [No, mi spiace, abbiamo finito i punti interrogativi. Torni la prossima settimana]
“Se quel lago fa vedere ciò che è più importante per me…Beh voglio dire che non ci sarebbe niente di male…” [TI. HA. APPENA. DETTO. CHE. E’. FOTTUTAMENTE. PERICOLOSO!!!     [SM=g11859] [SM=g11859] [SM=g11859] ]
“No! Il Repercussio ha una volontà sua ed è crudele. Mostra tutto, anche le cose che non andrebbero mai viste. Sarebbe troppo pericoloso!”
“Ma io lo amo” [CHI??? Pensa ancora a Nick? [SM=g6807] ]
“Come si chiama?”
“Nick, e non lo vedo da tantissimo tempo” [ODDEUS, vuole rivederlo! non è lui che la cerca, è lei che non si scolla più da lui!]
“Mi spiace, non puoi” [Greg, sei il mio mito!]
“Forse hai ragione, come al solito. [ [SM=g10386] [SM=g10386] [SM=g10386] Si sta alzando davvero di livello!] Sta succedendo proprio la stessa cosa, come un anno fa. Sto cercando di avvicinarmi a lui pur sapendo che non è possibile. L’ultima volta si sono visti i risultati, incapperei solo nell’ennesimo guaio tentando di ammirare il Repercussio” [Kety, davvero, sono ORGOGLIOSA di te!]
“Lo rivedrai, tranquilla”
“No. Non so bene come funziona da voi, ma nel mio mondo se una persona non si fa più rivedere, l’altra cerca di rifarsi una vita. Probabilmente avrà trovato un’altra”[ODDIO!!! [SM=g10386] Le hanno iniettato cervello durante la notte???]
“Se ti ama anche lui veramente non credo che sia così tranquillo adesso. Quanto tempo è che non ha tue notizie, 1 anno e mezzo?
Se Ophelia sparisse all’improvviso e non si rifacesse vedere più per così tanto tempo sarei preoccupato, e non mi sarei dato mai pace, l’avrei cercata fino in capo al mondo” :love:
Io sorrisi, mi aveva proprio consolato. [Certo che ci vuol poco, ma non voglio pretendere troppo da un solo capitolo] Dopo mangiammo e ci addormentammo profondamente. Passarono i giorni e cominciai a non dare più peso a quella storia del lago. [Vedo che te ne importava molto allora di rivederlo [SM=g6794] ] Poi però mi ritornò in mente insieme al pensiero di Nick. [Così, a caso, per buttare nel cesso le ultime venti righe di progresso! YEEE] Un giorno, mentre passeggiavo presi le strada per il Repercussio. Non lo feci apposta, ma ci andai lo stesso, quasi trascinata da una forza maggiore. [IL DESTINO MI MANCAVA!!! Altra immancabile pietra miliare FENTASI] Mi avvicinai alla sponda e mi sedetti sul terreno umido. Visto da vicino, il lago era molto bello, niente a che vedere con quello dove si trovava il mio isolotto: l’acqua era limpida e pulita e c’era una cascata di fronte a me. Gli alberi intorno erano verdi [Kety ammettilo che ti sposerai un albero grosso e verde] e si sentivano gli uccelli cinguettare.
Pensai che i centauri avevano veramente abbellito quello spazio di foresta. Infatti fuori c’erano ancora gli stessi alberi neri, morti e si sentivano sempre rumori inquietanti. [Insomma, solo perché ormai siamo in stallo in un posto da favola, non vuole dire che abbiamo messo da parte il nostro utilissimo ARBOROMETRO!]
Ma intanto io potevo sentire il rumore dell’acqua scrosciante sulle pareti di roccia.
I colori d’estate e il sole al tramonto rendevano la scena ancora più straordinaria. [Ma a Knarenn non era sempre inverno? O i centauri oltre a bonificare alberi a random sanno anche portare estate a zone?] Era già passato qualche minuto quando vidi un fauno nuotare nel fiume. Doveva essere alto più o meno un metro e sessanta. Non aveva gambe, ma al loro posto delle zampe da capra di color marrone e molto pelose. In testa aveva delle corna molto grosse ricurve all’indietro. [l’importante è che davanti a ogni aggettivo ci sia un MOLTO]
Io non feci assolutamente niente e lo aspettai. Alla fine mi raggiunse e cominciò a nuotare a destra e a sinistra guardandomi.
Poi mi chiese:
“Vuoi guardare nel Repercussio?” [nonfarlononfarlononfarlononfarlononfarlo]
“Non saprei, un amico mi ha messo in guardia”
“Se non sei debole come carattere non ci può essere alcun problema! Cosa vorresti rivedere di più al mondo?” [Sì ma sbaglio o dovevi essere un CUSTODE? Questo gli fa pubblicità]
“Beh, vorrei tanto…”
“Non lo devi dire a me! Pensalo e concentrati su quello. Poi guarda sullo specchio d’acqua se vuoi”
Pensai a Nick, e alla fine mi convinsi a guardare. :genius:Da subito non vidi niente, poi si formarono delle increspature. Vidi una persona sfuocata che si delineava sempre di più. Era proprio Nick, ma era triste e infelice. [Ah, forse al night club avevano finito la pina colada] Era davanti alla televisione, andava in onda il telegiornale. I suoni non erano chiarissimi, ma riuscii a distinguere alcune parole:
“Ancora nessuna notizia sulla ragazza di diciotto anni scomparsa ormai 15 mesi fa…Nessuno ha più rivisto Kety Wilson. L’ultimo ad incontrarla fu Nicolas Callew, il suo fidanzato, ora accusato di….”
[ [SM=g10386] [SM=g10386] [SM=g10386] [SM=g10386] [SM=g10386] [SM=g8218] [SM=g8218] [SM=g8218] [SM=g8218] [SM=g8218] [SM=g8218] [SM=g10386] [SM=g10386] [SM=g10386] [SM=g10386] OMMIODDIO E’ IN PERICOLO!!!! La forza dell’AmMmOrEeEHh la farà uscire da knarenn per salvarlo???]
Ma poi Nick spense il televisore e non vidi più niente. Lui era seduto sul divano di casa sua e guardava una foto su un tavolino al centro di un tappeto. Nella cornice c’era una mia foto [SM=g10861] [SM=g10861] [SM=g10950] , che gli avevo dato qualche anno prima durante una vacanza, o meglio, lui me l’aveva rubata, minacciandomi di metterla come salva schermo del suo computer, pur sapendo che non mi piacevo. Poi vidi che si stavano formando altre increspature, poi tutto sparì tornando come prima.
Quando alzai gli occhi era già notte inoltrata.
“Che ore sono?”
“Sono passate quattro ore da quando hai cominciato a guardare”
“Era come essere in un sogno”
“Allora?”
“L’ho messo nei guai.” [Si, è tutta colpa tua!!]
“Il ragazzo che hai visto?”
“Sì lui. È il mio fidanzato, ma ora che sono scomparsa lo hanno incolpato di avermi fatto chissà che cosa. Io devo tornare! [LO SAPEVO!!! IL DESTINO REGNA E CONDUCE L’AMMOREH ANCHE TRA GLI INNAMORATI LONTANI!] Non posso lasciare che lo condannino per qualcosa che non ha fatto! Se almeno potessi comunicare, anche solo parlare. Ci deve essere un modo”
“No giovane fata! Non c’è modo”
Il fauno continuava a nuotare e a guardarmi.
“Greg aveva ragione, non sarei mai dovuta venire!” [SM=x3426448] 
“Riuscirai a rincontrarlo, ne sono sicuro. Raramente i fauni sbagliano previsioni”
“Ma qualche volta accade” [E tu che ne sai? E’ il primo che vedi]
“Tu lo rivedrai e tutto si aggiusterà, o non mi chiamo più Remenet!”
[SM=g10386] [SM=g10386] [SM=g10386] [SM=g10386] [SM=g10386]

.

Immagine del giorno: calma, oggi facciamo una cosa diversa.
Mi sento in dovere di informarvi che TUTTA QUESTA (bellissima) STORIA è nata nella mia folle mente adolescenziale guardando quest’immagine. Non so chi l’abbia fatta, come mi sia arrivata, cosa rappresenti, ma è andata così. Quindi io ringrazio di cuore questa foto e chiunque l’abbia disegnata per avermi iniziato al mondo della scrittura. Non sarei qui a prendermi in giro da sola, altrimenti.

(per la cronaca, esistono altre foto dalle quali COFF COFF… “PRENDEVO ISPIRAZIONE” COFF COFF… ve le mostrerò mano a mano)

Autocritica 5 – La trasgressione delle regole

Per sapere cos’è l’autocritica o per andare all’indice dei capitoli, clicca QUI.

 

Capitolo 5 – La trasgressione delle regole
[Ecco a voi il capitolo clou, quello che ribalta la storia! Ahem… di nuovo]

Sì, avevo deciso di vederlo, :love:  [Nick, ndc (nota di critica). No perché iniziare un capitolo con una frase senza complemento oggetto non è bello] e per farlo sarei dovuta proprio evadere. :badass: [Ebbene sì, riprendiamo con Kety sempre più badass. Vediamo dove ci porterà questa badassaggine!]
Una notte scesi al piano terra di soppiatto avendo cura di non farmi scoprire da Jenny, che mi avrebbe sicuramente fermata. Ma, mentre scendevo le scale, la vidi che si aggirava su e giù per la sala e la cucina come un avvoltoio. :devlol: [Direi che i grandi piani di evasioni partono ingranando la quinta. Dai, solo qualche dettaglio da mettere a posto! Poi puoi uscire di casa senza farti sgamare xD] Sembrava che avesse in mente di bloccarmi, anche se ero sicura di non essere stata vista; Così mi venne un dubbio atroce: “Che sia diventata telepatica?” :koalaface: [what? E’ una battuta o lo pensa veramente? No perché visto il livello intellettuale…] Se così fosse stato, potevo ritenermi spacciata; :koalaface: :why: :facepalm: :censored: [LO. PENSA. SUL. SERIO.] “Ma cosa dico? È impossibile” 2my3o6s [Quando il facepalm :facepalm: non è abbastanza]
E tornai a dormire.
Il giorno dopo, però, era ancora là a gironzolare su e giù. :devlol: :burns: [“Fidatevi, il mio piano di evasione è perfetto!”]
Per questo motivo decisi di parlarle:
“Cosa ci fai in piedi alle due tutte le notti?”
“Soffro di insonnia da un po’ di tempo…perché ti ho svegliata?” [Sì, avete visto bene. Quella che nel capitolo 2 non voleva alzarsi sotterrandosi sotto il cuscino soffre di insonnia. Logica? Where are you?]
“No, no [No no cosa? Ti ha chiesto perché ti sei alzata :muoro: “Gino, che giorno è oggi?” “Bene”] mi ero solo alzata per prendere un bicchiere d’acqua”
“Ma io non ti ho visto venire in cucina”
“…” [Che cos’è questo?] :muoro: :toj:
“Mi nascondi qualcosa?” [NEGA!]
Dovevo trovare una risposta decente, e alla svelta: [Vai, puoi farcela!]
“No, è che dopo averti vista mi è venuto in mente che l’avevo già presa prima di andare a dormire, semplicemente non mi ero ricordata” [Eh, io vorrei risparmiarvi, ma ho la sensazione che :facepalm: non sia abbastanza. Dovete sorbirvela di nuovo] 2my3o6s
“Ah, ok” [ECCICREDE! Vabbè, ma è giustificata: Kety è stupida di base, quindi ci poteva anche stare]
Dovevo assolutamente trovare una soluzione, così una notte le diedi un sonnifero [PFFFF e a che servono le prescrizioni mediche? Jenny, tranquilla, SEI AL SICURO, SA QUELLO CHE STA FACENDO] che uso anche io per riuscire a dormire. [Ma se dormi da inizio libro?!] :muoro:
Naturalmente quella notte non lo presi, :youdont: [Non so se credi che il lettore sia stupido o davvero pensi che sia doveroso specificarlo] e partii prima, sicura che Jenny dormisse.
Scesi le scale , andai alla porta, mi appoggiai alla maniglia facendo attenzione a non fare rumore e… mi trovai davanti Jenny, più sveglia che mai. :devlol: :burns:
“Non dovevi dorm…ehm…ciao!!!” [FRASI ANTISGAMO IS ALWAYS THE WAY]
“Perché non me lo hai detto?” :koalaface: [Lei sa!]
“Detto cosa? Non capisco…” :genius: [Dai, stai facendo la “finta” tonta, ma questa parte dovrebbe riuscirti bene!]
“Capisci benissimo. Stai tornando da lui” :koalaface: :badass: :worship: [Sì, ragazzi, Jenny è il triplo più badass di Kety! Voglio lei come protagonista!]
“Non arrabbiarti con me, sai che non posso vivere senza lui” [AwAwAwAwAwAwAw L’AmMmMoReH!!!11!!1!!] :love:
“Io sono single da tutta la vita, e vivo benissimo” :clap: :bravo: [TI AMO JEJE!]
“Ti prego…cerca di capire” :broken: :pianto:
Lei mi guardò male :grumpy:
“nessuno se ne accorgerà” :broken:
Lei mi guardò male :grumpy:
“ dai, è la prima volta…” :broken:
Lei mi guardò male :grumpy:
“…e anche l’ultima” :broken:
Lei mi… :grumpy:
“basta!!!” :badass: [Queste meme sono davvero l’invenzione del secolo, esprimono tutto ciò che non trasuda da queste bellissime pagine!]
“ascolta sarò di ritorno per le tre” :broken: [E prosegue…]
“Mezza notte” :grumpy: [o la carrozza ti si trasforma in un ortaggio]
“ma sono già le undici” :broken:
“Non discutere e ringrazia il cielo che ti ci lascio andare”
“ok”
“Sai almeno come entrare nel regno degli umani?”
“no” [AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH Un piano geniale, ben costruito e senza falle! YEEE!] :genius: :muoro:
“Lo sospettavo….c’è un portale dopo la casa di Desi” [Ecco a voi signori, presentato con innaturale naturalezza, il metodo di spostamento in questo regno psichedelico: i PORTALI!]
“Grazie”
Mi avviai verso il potale ed entrai. [Che? Asp, così? Su due piedi? Non spieghi che sei uscita di casa? Non spieghi come è fatto sto portale? Ah… ok] :huh:
Mentre entravo vidi una luce accendersi dalla casa di Desi, ma al momento non ci feci caso. [Tiro a indovinare: un’altra falla nel piano? :muoro: ma poi, se è illegale andare nel mondo degli uomini, perché mai tenere i portali aperti? Ndc: sì, la regina li può aprire e chiudere a piacimento] :genius:
Quella notte avevo più o meno giurato che quella sarebbe stata la prima e l’ultima volta, [Ah, non ci dici che cosa hai fatto? Già tornata? Non so se è carenza narrativa o siamo in presenza di un “if you know what I mean” bello e buono :ifyou: ma poi, Nick non si fa domande a vederti apparire e sparire di notte come dracula nella stagione degli amori?] ma pochi giorni dopo non riuscii a mantenere la mia promessa. :ifyou: [E chi aveva dubbi?]
Cercai di giustificarmi pensando che, dopotutto, non gli avevo nemmeno parlato, [Ah… ah. Beh, mi rimangio gli ultimi due if you e ti percuoto a bastonate per la tua stupidità. Perché andarlo a trovare DA LONTANO?] e questo sarebbe stato crudele accettarlo anche da parte di Jenny, [CREDICI] :toj: ma dentro di me avevo un po’ di rimorsi. :youdont: [Sono passate una cinquantina di righe e hai violato TUTTE le leggi del regno!] :toj:
Comunque, andai a trovarlo a casa sua verso l’ora di pranzo. [Oh, in pieno giorno, ci sta prendendo la mano! D’altronde è così organizzata bene che può permettersi di evadere con naturalezza]
Avevo imparato che se si è fuori, bisogna tornare appena comincia a farti male il tuo simbolo, :youdont:[Beh, se non vuoi farti esplodere la carotide… mi sembra un ragionamento abbastanza elementare. Ma a questo punto mi sorge una domanda: se già il fisico delle fate impedisce loro di trasgredire alle leggi, o comunque di trasgredire pesantemente, perché farne tre leggi? E soprattutto LE UNICHE DEL REGNO?] quindi non sarei rimasta per molto.
Arrivai a casa sua e lo invitai a venire con me in un bar lì vicino per mangiare qualcosa, e accettò. Ci divertimmo fino a quando lui non iniziò un discorso a cui io non ero per niente preparata: [Ma come, sei preparata a ogni evenienza da tutto il capitolo!] :genius:
“Ma dove hai trovato casa? Non riesco a rintracciarti, dammi il tuo indirizzo!” :muoro: :bravo: :worship: :thanks: :burns: :devlol: :clap: :risata: [Bene, sedetevi e mettetevi comodi, c’è un’altra sessione di invenzione scuse di kety. I popcorn sono già nel microonde]
“Oddio!! Cosa rispondo?” pensai dentro di me. :genius: :burns:
Dopo secondi di silenzio Nick cominciò ad aprire la bocca come se volesse parlare, ma io cominciai prima di lui:
“Ehm…fuori città” [Ma poi… perché gli chiede l’indirizzo se aveva già la casa dei genitori regalata da prima a oxford? E perché allora lei dovrebbe trovarsi ancora FUORI DUBLINO?]
“Magari ti vengo a trovare un giorno e andiamo a mangiare cinese insiem…”
“No” risposi in modo decisamente secco :grumpy:
“Come?” Mi chiese sbalordito :koalaface:
“Voglio dire che è meglio che tu non venga perché sto mettendo a posto il bagno ed è tutta in disordine, è meglio se la vedi quando è a posto” [Ma perché dovresti mettere a posto il bagno di una casa non tua quando ne hai una pagata a oxford? E perché questa relazione sembra un incontro occasionale tra due amici poco stretti? Sono più allibita del koala] :koalaface:
Lui mi guardava con un sorriso interrogativo e io capii che era una scusa decisamente idiota. :youdont:[Nooo, dai, diciamo solo che fa più acqua di un secchio che ha solo il manico!] Tentai con un’altra:
“e poi è molto lontano da casa tua, non riusciresti mai ad arrivarci in autobus in meno di 24 ore” [Anche se non fossi stata a Dublino per testimoniarvi che si tratta di una cittadina girabile a piedi, vi direi comunque: in quale città normale ci voglio più di 24 ore da un capo all’altro?] :why: [I miei neuroni implodono]
“Ah, ma allora non ti ho ancora detto che ho preso un’auto!” :koalaface: [EH? Ok, ok, vite separate e tutto, ma chi mai comprerebbe un’auto da un giorno all’altro SENZA INFORMARE LA MOROSA? Vabbè che sono puntigliosa, abbiamo il problema più grave che LUI NON S’E’ ACCORTO CHE E’ STATA RAPITA]
“…Ah si? Buona notizia sono contenta per te” :why: :facepalm:
Proprio in quel momento cominciai ad avvertire un pizzicore sul collo, [Ma esplodi!] e mi toccai il segno. Evidentemente non era ancora andato in fiamme, altrimenti Nick se ne sarebbe accorto, :youdont: però cominciava a bruciare.
Guardai l’orologio per inventare una scusa [Cosa che ti riesce benissimo abbiamo visto]
“Ma guarda come passa in fretta il tempo quando ci si diverte…” 2my3o6s
“…devo assolutamente tornare a casa, devono arrivare i muratori e l’idraulico, sai per il bagno.” 14nij61
Lui non aveva creduto a una parola di quello che avevo detto, :youdont: glielo si leggeva in faccia, ma mi lasciò comunque andare e io gliene fui immensamente grata! [PUNTO ESCLAMATIVO DI STA CIPPA! Perché la lascia andare???? Qua più che un facepalm mi serve un facewall]
Mentre tornavo pensai che certo non era stato un incontro piacevole come avrei desiderato, :youdont: :ifyou: e pensavo già al prossimo; :ifyou:
dovevo assolutamente prepararmi in anticipo a qualunque tipo di domanda. :youdont: [Ma come, finora è andato tutto così liscio!] Ero proprio soprapensiero quando imboccai il vialetto che porta a casa, e così non mi accorsi subito che delle guardie mi stavano tendendo un agguato. :genius: :koalaface:
Saltarono fuori dai cespugli e mi agguantarono.
“Ehi! cosa state facendo?” :genius: [Chissà, sei solo una delinquente che ha infranto tutta la legislazione in un capitolo]
“Per ordine della regina, ti dichiaro in arresto”:youdont:
Proprio nel mentre vidi Jenny uscire dalla porta di corsa. Cercò di trovare dei compromessi e liberarmi, ma non ci riuscì, e mentre mi portavano via mi disse:
“Te lo avevo detto…” :devlol: [Jenny, TI AMO!]
Mi portarono in una cella, e lì rimasi solo per mezza giornata, quando qualcuno aprì la porta, mi prese per il braccio e mi accompagnò in una sala di un tribunale.[Tribunali everywhere. Ci sono solo questi nel regno delle fate, oltre le case regalate]
Il mondo delle fate non è poi così diverso da quello mortale. [Nooo, tutto normale, Avete codificazioni da tre leggi da una riga l’una, ridondanti, inutili, inefficaci, le case si regalano, ci sono gli unicorni, e delle psicopatiche vagano da un portale all’altro con voglie marchiate a fuoco sul collo. Per il resto, insomma, tutto nella norma!]Per esempio esistono dei processi e gli imputati hanno diritto ad avere un difensore. [Hanno diritto. E dove sta scritto? E’ implicito nelle tre dico TRE leggi o avete un Bill of Rights?] Per questo ruolo si offrì proprio Jenny.[Allora sei in una botte di ferro, lei ti odia a morte in realtà] :devlol: :burns: Lei aveva frequentato il “corso avanzato per lo studio del diritto e delle leggi ”, mentre io di queste cose ne capivo proprio niente. [1: serve un CORSO AVANZATO per studiare tre leggi? 2: E TU SEBBENE SIANO TRE NON LE CAPISCI?] :genius: :toj:
Durante il tempo che avevo trascorso in cella cercai di capire chi potesse avermi denunciata, ma il dubbio mi rimase per poco, perché appena entrai in aula vidi chi era seduto nel banco dell’accusa: Era Il fidanzato di Desi che, casualmente, aveva studiato legge all’università del regno. [C’è pure un’UNIVERSITA’!] :toj: :muoro: :risata: Desi fu chiamata a testimoniare, ed allora non ebbi più nessun dubbio: era lei la traditrice. :devlol: [Ti amiamo Desi] Mi aveva visto attraversare il “suo” portale, ed ora l’aveva presa come un fatto personale. [Personale? Ha solo fatto una cosa normalissima: ha denunciato un crimine! E poi dai, come poteva lasciarsi sfuggire l’occasione? Quando le ricapita una così stupida da attraversare il suo portale in pieno giorno e senza piani?]
La proposta iniziale dell’accusa era di lasciarmi nella foresta di Knarenn per 8 anni. [Foresta di Knarenn. Contiene una K. E’ KATTIVA!] Dopo un lungo dibattito, però, Jenny riuscì a ridurmeli a 3. [Lungo dibattito… vorrei sapere su cosa, ma vabbè] Mentre uscivo dall’aula a processo terminato, vidi che l’avvocato dell’accusa le stava prendendo di santa ragione da Desi, forse perché non era riuscito a darmi almeno 20 anni in quella foresta. :koalaface: [Ok, thirteen arte, siamo tutti amici! Adesso vieni, ti porto da un dottore che ti può aiutare. Stai calma, calma]
In effetti, Desi è una di quelle ragazze capricciose e viziate che “lo vanno a dire alla mamma ” se non ottengono quello che vogliono. [Ma poi questo sproloquio di ingiurie su questa povera Desi dal nome orribile, che appare ora e non si vedrà mai più per il resto del libro…] :toj:
Comunque ora non aveva più importanza. Dovevo andare in quella foresta e ci andai; era il giorno di mezz’estate. [Perché mezza estate al posto di ferragosto fa tanto FENTASI!]

…. [Asp, non è finita. Domanda: ma poi, perché il sonnifero non ha funzionato?] :koalaface:

 

 

Immagine del giorno: Boromir blames Kety.

download